loading...

Se la moglie non vuole più fare sexxo, il marito può andare via con l’amante…

La Corte di Cassazione ha negato l’addebito della separazione a un marito di Pescara. La Suprema Corte ha bocciato la richiesta della moglie, a causa della “violazione dei doveri coniugali”

La Corte di Cassazione ha negato l’addebito della separazione a un marito di Pescara che aveva chiesto la separazione dalla moglie con la quale dal 2000, l’anno in cui era nato il figlio, non aveva più avuto rapporti sexxuali.

L’uomo aveva abbandonato quindi il tetto coniugale per andare a vivere con un’altra donna. La Suprema Corte ha bocciato la richiesta della moglie, a causa della “violazione dei doveri coniugali” da parte sua.

Una sentenza simile era stata già pronunciata dalla Corte d’appello dell’Aquila il 21 febbraio 2012 dopo aver ascoltato le dichiarazioni dell’uomo che aveva spiegato di “essere andato via di casa perché la situazione familiare non era più sopportabile e che dalla nascita del figlio non vi erano stati più rapporti sexxuali tra i coniugi”.

Una circostanza, quella dello sciopero del sexxo da parte della moglie, che come attesta l’ordinanza 2539 della Sesta sezione civile, era stata confermata anche dalla sorella del marito e mai smentita dalla diretta interessata.

Il Corriere Adriatico scrive che è stata bocciata anche la richiesta della donna di risarcimento danni.

(Fonte)

Guarda Anche:
CONDIVIDI